Le affinità elettive

di Maria Giovanna Fadiga Mercuri

Uno dei più grandi paradossi della nostra vita è l’attribuzione a qualcuno del termine amico. “Dare l’amicizia”: un atto quotidiano, trascinato malamente dall’uso costante dei social che hanno persino trasformato il valore della parola e così ci troviamo a quantificare ciò che sarebbe per sua definizione incommensurabile.

Un amico, soprattutto per noi “viaggiatori” è un bene difficile da trovare e conservare, raro ed incostante per la nostra stessa natura. Mi fanno sorridere i pressapochismi linguistici dei millennials che vantano numeri spropositati di amici -che poi loro chiamano contatti- senza soffermarsi sul fatto che l’aspetto fisico, tattile, è quello che crea la parola. Associazionismi, partiti, confraternite, clubs, tutti si basano oggi sul rapporto numerico e sul veloce relazionarsi per utilità o interessi. Poi le parole male interpretate sono dette falsi amici, poi abbiamo persino il fuoco amico! “Noi non conosciamo le persone quando vengono da noi; dobbiamo andare noi da loro per sapere quel che sono” scriveva Goethe e nell’andare sta tutto lo sforzo di un amico potenziale. “Ti vengo a trovare”: che frase magica dei miei verdi anni!

Ma quali sono i fondamenti della vera amicizia? Uno solo, direi. L’essere buoni dentro. Tutto il resto non è altro che conoscenza, consuetudine, frequentazione. Cicerone, un signore di 2100 anni fa, nel 44 a.C. lo aveva capito, senza FaceBook, che il “sentire” è tutto: Sed hoc primum sentio, nisi in bonis amicitiam esse non posse (ma mi sento dentro proprio questo: l’amicizia non esiste se non fra le persone buone, Laelius, De Amicitia).

Maria Giovanna Fadiga Mercuri

Umanista e filologa, ha sempre cercato di svolgere attività di studio e di ricerca nel settore di formazione nelle diverse sedi, fra la Corea del Sud e del Nord, il Regno Unito, la Germania, il Belgio e gli Stati Uniti. Attualmente a Roma, insegna Paleografia e Diplomatica (attenzione: niente a che vedere con la diplomazia!) presso la Scuola di Alta Formazione dell’Istituto Universitario di Patologia del Libro. Ex membro del Consiglio Direttivo uscente, ama scrivere.

Nessun Commento inserito

Lascia un commento

 

Puoi usare codiceHTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>